Browsing Tag:

vegetariano

Contorni

B come Broccoli in Salsa Orientale

Pietro è un grande mangiatore di broccoli. Certe volte mi chiedo se davvero si è abituato a questo e altri sapori, quando era ancora dentro di me. Abbiamo tanti alimenti in comune e cibi che non sono così usuali per un bambino di 6 anni. Lui li mangia così, al vapore spesso sconditi e anche senza sale. Io mi lancio in esperimenti, tipo questo consigliato da Marco Bianchi nel suo Un anno in Cucina. Salsina promossa a pieni voti e da provare anche con altre verdure. Ho solo aggiunto del gomasio, per dare sapidità e sentire un poco di croccante sotto i denti.

Ingredienti per 4 persone
Broccoli, 1 cespo
Tahina, 1 cucchiaio
Salsa di soia, 1 cucchiaio
Aceto di mele, 1 cucchiaino
Miele di castagno, 1 cucchiaino
Sale, 1 pizzico
Acqua
Gomasio
Cuocete a vapore i broccoli (io nel cestino di bambù) e lasciateli al dente. Nel frattempo, miscelate assieme tutti gli ingredienti per creare la salsina. Se fosse troppo densa, aggiungete qualche cucchiaio di acqua.

Tips: variate la composizione degli ingredienti a seconda della nota più o meno agrodolce che volete dare al piatto. Penso che la proverò, molto diluita per far saltare nel wok dei bocconcini di pollo.

Primi

C come Curry di Zucca

“La giornata dei monaci inizia dalle pulizie: ramazziamo il giardino, puliamo il cortile, tiriamo a lucido il santuario. Non tanto perché siamo effettivamente sporchi o in disordine, quanto perché tali azioni hanno il fine ultimo di eliminare dallo spirito qualsiasi ombra.” (dalla prefazione, Keisuke Matsumoto “Manuale di pulizie di un monaco buddista”)
Una domenica passata tutta da sola. Tempo in solitudine ma speso benissimo, tra riordino e pulizie.
Zen e decluttering. Musica.
Ho tagliato l’ultima zucca dell’orto e mi sono preparata il curry vegetariano di Jody Vassallo.
Cottura lenta e profumo di Asia.

Ingredienti per 4 persone
Zucca a cubetti, 500 g
Tofu, 200 g
Pomodorini ciliegia, 200 g
Latte di cocco, 500 ml
Spinacini, 100 ml
Prezzemolo, 1 mazzetto
Zenzero fresco tritato, 2 cucchiai
Curry verde, la punta di 1 cucchiaino
Salsa di soia, 1 cucchiaio
Salsa di pesce, 1 cucchiaio
Olio di girasole

Nel wok, fate scaldare l’olio e rosolateci lo zenzero grattuggiato, il curry stemperato nelle salse. Unite la zucca, mescolando per farla insaporire. Cuocete per 5 minuti. Aggiungete il tofu a cubetti, i pomodorini e il latte di cocco. Portate ad ebollizione e abbassate poi la fiamma, proseguite per circa 15-20 minuti per portare a cottura la zucca. Tagliate grossolanamente gli spinacini e uniteli al curry, spolverizzate con il prezzemolo tritato. Servite caldissimo.
Tips: potete servire con del riso bianco a vapore per avere un piatto
completo. Se amate i sapori piccanti, aumentate la quantità di curry
verde.

Dolci

B come Blueberry Muffins

 

Inizia la primavera. La stagione più bella, i miei mesi. Luce fresca e tepore, profumi nuovi.
Questo sarà un marzo speciale, pieno di avvenimenti che mi riempiono la testa di pensieri già da parecchi giorni. Rivedrò delle persone speciali, che mi hanno accompagnato in pezzi di vita di qualche tempo fa. Inizieranno delle grandi ed emozionanti avventure. Non avrei mai pensato che in poco meno di un anno, potessero cambiare tante cose. E mi sembrano tutte belle cose, non so se crederci. Ho l’impressione che si apra un nuovo corso. Sarà? Mi metto 5 minuti qui, davanti al caffè e al mio muffin preferito. Sfoglio il giornale e scrivo due appunti per una ricetta che vorrei provare.

La ricetta è stata tratta dal libro “Una merenda a New York” di Mark Grossman.
Ingredienti per 12 muffins
quelli Secchi

Farina 0, 320 g
Zucchero di canna, 50 g
Lievito, 1 cucchiaio
Sale, 2 pizzichi
quelli Umidi

Panna, 325 ml
Latte, 175 ml
Olio di semi, 50 ml
Uovo, 1
Estratto di vaniglia, 1 cucchiaino
per la Farcitura

Mirtilli, 125 g
Marmellata di Mirtilli

Accendete il forno a 180°C (io ventilato). Imburrate gli stampini oppure preparate la teglia con i pirottini. Prendete due ciotole, una per gli ingredienti secchi e un’altra per quelli umidi. Pesate e mescolate nelle rispettive ciotole. Uniteli e incorporateli velocemente con una forchetta. Versate un cucchiaio in ogni stampino, mettete 2 o 3 mirtilli e mezzo cucchiaino di marmellata. Fate un altro giro di impasto, di mirtilli e marmellata e ricopriteli. Cuocete per circa 20-25 minuti fino a doratura. Lasciateli raffreddare su una griglia.

Tips: fateli congelare e avrete sempre una pausa americana a disposizione, intanto che preparate il caffé potete farli rinvenire nel microonde.

Contorni

G come Gratin di Finocchi e Scalogni

Mi ero appuntata questa e altre ricette, nello studio delle vacanze natalizie. Calendario 2015 del Jamie Magazine, mese di febbraio: appena in tempo. Ogni mese, insieme ai consigli per acquistare verdura e frutta, propone un ingrediente di stagione cucinato. I finocchi, che piacciono solo a me in casa, me li preparo spesso crudi per comodità. Ho fatto alcuni cambiamenti, ho usato pane integrale secco per la panatura e del Silter della Valle Camonica al posto del Parmigiano, per dare più carattere. Questa versione del finocchio, finalmente non più solo pinzimonio o bollito, mi ha fatto subito gola! L’ho porzionata e congelata in parte. La proporrò agli amici alla prossima cena.
Ingredienti per 4 persone
Finocchio, 1
Scalogni, 6-8
Silter, 100 g
Pane secco integrale, 50 g
Erbe aromatiche tritate, 2 cucchiai
Crema di riso
Olio

Scaldate il forno a 180°C. Pelate e affettate il finocchio e gli scalogni. Appoggiateli su una teglia coperta con la carta forno, conditeli con un filo di olio e fateli cuocere per circa 15 minuti. Se usate la besciamella, adesso potete prepararla, oppure come me, prendete la teglia velatela con un cucchiaio di olio e un filo di crema di riso. Grattuggiate il formaggio. Tritate grossolanamente il pane. Adagiate le verdure, alternandole e cospargetele con la crema di riso e il Silter. Miscelate il pane con le erbe tritate e coprite le verdure. Condite con un filo di olio e infornate 5-10 minuti per far gratinare la superficie.

Tips: Jamie prepara una besciamella liquida al posto della crema di riso e usa il panko invece del pane tritato. Il panko è il pangrattato giapponese, differisce dal nostro perchè più grossolano così da dare una maggiore croccantezza nelle panature.

Primi

C come Crema di Barbabietole e Cumino

Scarlatto! Per la quasi ultima vellutata di verdure della serie di “Elle a Tavola”. E con questa anche una decisione importante, un corso base di fotografia. Per imparare ad usare la reflex, visto che la Coolpix sta dando segni di stanchezza da zuppa… e smettere di fare delle foto, diciamo a caso e per fortuna sperando di catturare lo scatto perfetto. Perchè anche i siti di fotoritocco non possono niente contro le mie schifezze!!!
E un’altra novità, l’utilizzo del kuzu, un addensante che avevo usato questa estate e che, in questo caso, dà spessore alla vellutata senza usare le patate o la panna. Una radice dalle mille proprietà che devo ricordarmi di inserire più spesso nella cucina di tutti i giorni.
Ingredienti per 4 persone
Barbabietole precotte, 300 g
Arance, 2
Scalogno, 1
Kuzu, 1 cucchiaio scarso
Cumino, 1 cucchiaino
Brodo, 700 ml

Tagliate le barbabietole. Spremete le arance e ricavate 200 ml di succo, conservate la scorza di mezza arancia. Fate bollire nel brodo le barbabietole con lo scalogno tritato grossolanamente e il cumino per 20 minuti. Stemperate il kuzu in un dito di succo di arancia e unitelo alle verdure, aggiungendo tutto il succo ricavato. Continuate la cottura ancora per circa 5 minuti. Frullate con la scorza di mezza arancia.
Servite con della panna acida e se vi piacciono, ancora dei semi di cumino.

 

CONSIGLIA Crumble pere e zenzero