Dolci/ Lievitati

P come Panbrioche Pigro

Aspettando che Giuseppe, il mio nuovo licoli autoprodotto, abbia la forza necessaria a fare il suo dovere, ho preparato questo panbrioche da colazione seguendo le indicazioni della ricetta del Cucchiaio d’Argento. Semplice e senza tanti problemi di incordatura, si fa da solo in frigorifero: della scuola “No knead”, il senza impasto.
E proprio perchè qui c’è un lievitato, vi ricordo di festeggiare il Pasta Madre Day, il 15 marzo, a Piacenza presso Eataly, saranno organizzati assaggi e dimostrazioni dal gruppo La Pasta Madre (la vice boss, Francesca è della zona) e in collaborazione con il Mulino Dallagiovanna.

Ingredienti per uno stampo da 25×11
Acqua tiepida, 85 ml
Lievito secco, 4 g
Uova, 2
Sale, 1 pizzico
Miele, 50 g
Burro, 85 g
Farina 0, 260 g
Estratto di vaniglia, 1 cucchiaino
Per la copertura
Uovo, 1
Zucchero in granella
Acqua

In una ciotola di vetro (abbastanza capiente, dovrà contenere tutto l’impasto), fate attivare il lievito con l’acqua tiepida per una decina di minuti. Intanto sciogliete il burro e fatelo raffreddare e sbattete leggemente le uova intere con una forchetta. Aggiungete tutto al lievito e mescolate per incorporare. Unite anche il miele, la farina, la vaniglia e in ultimo il sale. Amalgamate, coprite con la pellicola e fate lievitare a temperatura ambiente, lontano da correnti per circa 2 ore. A questo punto potete trasferire l’impasto in frigorifero per un minimo di 24 ore, fino ad un massimo di 4-5 giorni. Io l’ho lasciato un paio di giorni, l’ho preparato il giovedì sera per cuocerlo il sabato pomeriggio, così da averlo per la colazione della domenica. Quando avete deciso di infornarlo, tiratelo fuori dal frigo, rivestite la teglia da plumcake con la carta forno inumidita. Sull’assetta spolverata di farina, dividete l’impasto in tre palle, stendete leggermente ogni porzione arrotolatela su se stessa (o pirlatela se avete più dimestichezza) e mettetela nello stampo. Fate lievitare ancora un paio d’ore coperto, fino a quando il pane sarà arrivato al bordo. Scaldate il forno a 180°C, spennellate la superficie con l’uovo e spolverate con la granella. Cuocete per circa 35-40 minuti, fino a doratura della superficie.

Tips: naturalmente si può congelare porzionato, se riuscite a non mangiarlo subito tutto. Il sapore è molto neutro, per niente dolce. A me piace così, per poterlo spalmare di marmellata o riempirlo di affettati… Amo le colazioni internazionali, universali, dolci e salate, insomma tipo pranzo 🙂

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply
    Fairyskull
    31 marzo 2015 at 19:36

    Bella ricetta mi piacciono le ricette senza impasto! ;-D

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Crumble pere e zenzero